Espilit Jean Louis

header

logo Galleria Capoverso fb

Jean Louis Espilit  / SYNESTHESIE / 7 novembre 2013

espilit-invito


Due reazioni sensoriali distinte ma conviventi:  la percezione della fragilità, delicatezza e preziosità  delle carte utilizzate, provenienti dall'Oriente, dal  Nepal o dal Bhutan, e l'evocazione di uno stato interiore di meditazione, forza antica e potente.
Opere astratte o meglio non figurative: non rappresentazione, ma riflessione. In un sobrio e quasi rituale abbraccio, il perfetto e l'imperfetto.
Carte particolari, non più supporto, ma sovrapposte, colorate con colori di terra e della terra, graffiate da tratti di matita, inchiostri, carboncino, poi applicate su tela, in equilibrio rigoroso e sottile armonia.

Silenzioso dialogo tra testimoni della pulsante energia della Natura  e molteplici stati d'animo in segreto raccoglimento. Essenzialità, cromie calde, decise o sfumate, percorso mentale  nel tempo ed  insieme “visione tattile”, che l' artista ci  invita ad esplorare.
Come in una partitura musicale, una sapiente struttura che respira, attraverso dissonanze ed irregolarità della materia e lavoro paziente di grande raffinatezza.
S.G.

espilit05

espilit

espilit04